Fortuna e “sfortuna”

Fortuna e “sfortuna”

Dopo quasi due ore di salti, scivoli (sulle gonfiabili), risate e tanto baccano, viene accanto a me il figlio più grande, e con tanto di fiato e tutto sudato, dopo una breve pausa di respiro mi dice “Mamma, mi dispiace, sei un po sfortunata.”

“Perché amore?” – chiedo curiosa.

“Perché non sei più piccola, e ti perdi tutto questo divertimento.” – dice lui.

“Ah, ma io mi diverto quando vedo che vi divertite voi” – dico, cercando di togliere il suo momento di dispiacere.

Dopo aver preso un sorso d’acqua, aggiunge: “Ma è molto meglio così, perché se tu eri piccola, io non avevo più una mamma.” – conclude contento. E corre a fare salti, scivoli, risate e baccano. Ed io mi diverto guardandoli, convinta , grata e contenta che sono Fortunata.

3 Replies to “Fortuna e “sfortuna””

    1. Infatti Lo Sono. Anche per questo annoto qui parte delle bellissime cose che dice, e parlo della sua rara empatia e della sua straordinaria sensibilità. 🙂

      Mi piacerebbe sapere da dove ti sporge il dubbio che non lo fossi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: